24/10/19 BIO-ON, CHI DOVEVA GARANTIRE GLI AZIONISTI: IL NOMINATED ADVISOR, LO SPECIALISTA, LA SOCIETA’ DI REVISIONE.

La Procura di Bologna ha rapidamente dato seguito alle indagini nei confronti della società Bio-On, produttrice di bio-plastiche speciali e quotata sull’AIM. Le accuse dei Giudici sono pesanti: aver falsato i bilanci e le comunicazioni sociali e aver manipolato il mercato dei risparmiatori. La Guardia di Finanza ha intanto meritoriamente sequestrato circa 150 milioni di euro e le negoziazioni del titolo sono state sospese.

Nelle 39 pagine di ordinanza del Tribunale di Bologna ci sono i dettagli di tutte le operazioni fittizie, le informazioni obbligatorie al mercato omesse e l’entità dei ricavi non veritieri che – secondo l’accusa del PM - dal 2015 al giugno scorso Bio-on ha divulgato al fine di rendere più appetibili sul mercato le azioni della società.

La società ha bruciato quasi un miliardo di capitalizzazione, che purtroppo è per la gran parte in mano ai piccoli investitori.

Secondo l’avv. Antonio Pinto, legale di Confconsumatori: “Nei prossimi giorni studieremo le condotte e le possibili responsabilità risarcitorie, in sede civile, di tre soggetti che dovrebbero svolgere funzioni di tutela del mercato dei risparmiatori che investono sull’AIM, ossia il Nominated Advisor, lo Specialista e la Società di revisione. Infatti, se dopo aver studiato i documenti sociali resi obbligatoriamente pubblici, dovessimo verificare la sussistenza di gravi negligenze, i tre soggetti indicati sarebbero responsabili, in solido fra loro, per i danni cagionati ai terzi investitori, a seguito di propri inadempimenti o illeciti”.

Le principali responsabilità che normativamente sono in capo al NOMAD riguardano la valutazione dell’idoneità e dell’appropriatezza della società che presenta la domanda di ammissione, oltre che l’assistenza e la guida dell’emittente nel rispetto delle responsabilità derivanti dal regolamento emittenti, sia in occasione dell’ammissione e sia dopo su base continuativa. Il NOMAD deve inoltre fornire pareri e indicazioni agli amministratori della società circa gli obblighi e le responsabilità che derivano dall’ammissione all’AIM Italia e deve assicurarsi che ne siano consapevoli. Il Nomad della Bio-On è stato – dalla quotazione e sino a settembre scorso – la Envent Capital Markets, con sede italiana in Roma.

La società di revisione provvede alla verifica contabile ed alla certificazione dei bilanci. Per i bilanci degli ultimi due anni di Bio-On, la società di revisione è stata Ernst & Young.

Lo “Specialista” è obbligatoriamente previsto dal regolamento di AIM Italia, al fine di garantire la liquidità dei titoli, una volta che la società è ammessa alle negoziazioni. Lo specialista ha essenzialmente il compito di effettuare l’attività di market maker: ossia acquistare i titoli nel momento in cui il mercato vende e venderli nel momento in cui il mercato acquista. Si impegna dunque a sostenere la liquidità del titolo. Inoltre lo specialista ha il compito di predisporre periodicamente studi e ricerche sulla società quotata da rendere disponibili agli investitori che potranno così essere a conoscenza dell’andamento della società e delle strategie future. Lo Specialista è stato Banca Finnat Euramerica S.p.A., la quale, in una nota diffusa al mercato il 13 dicembre scorso, dinanzi a un prezzo di euro 53,60 ad azione, forniva l‘indicazione di comprare, indicando come target price, ben 86 euro ad azione.

Secondo Mara Colla, presidente nazionale di Confconsumatori: “la rete di protezione sull’AIM non ha minimamente funzionato e questo ha consentito di bruciare quasi un miliardo di euro di risparmio privato. Chiederemo a Borsa Italiana se e quali provvedimenti intende adottare nei confronti delle figure professionali che avrebbero dovuto affiancare la BIO-ON, anche a tutela dei piccoli risparmiatori.

Ultime news

Dimenticato la tessera?

Inserisci il tuo Codice Fiscale o la tua Email e riceverai nuovamente la tua tessera all'indirizzo email dato al momento della iscrizione.

Invia
Area Riservata
Accedi
Seguici su LinkedIn Seguici su Facebook Seguici su Google+