22/11/19 Comunicato del Comitato per la tutela degli azionisti Banca Popolare di Bari

COMUNICATO DEL 22-11-2019 DEL COMITATO PER LA TUTELA AZIONISTI BANCA POPOLARE DI BARI

Cari soci,
sono questi giorni delicati per il futuro della banca e tutti i soci ed è importante far sentire la nostra voce. In queste settimane il Comitato ha continuato a lavorare su tutti i fronti paralleli di tutela. L’interesse primario degli azionisti è recuperare il valore investito nelle azioni e questo può avvenire attraverso due strade: la via del recupero della redditività della banca e quindi del ritorno agli utili, condizione indispensabile per far tornare appetibili e quindi vendibili le azioni, nonché la via giudiziale.

Per quel poco che valgono le nostre forze e le nostre competenze, noi faremo di tutto per evitare che si concretizzi lo scenario di quanto accaduto alle due banche venete, dove chi ha pagato sono stati soltanto azionisti e dipendenti, oltre che il territorio che ha visto diminuire gli impieghi.

Per tale ragione, a questo punto, riteniamo opportuno avviare una raccolte di firme dei soci a sostegno del programma di iniziative da noi proposto fin da gennaio di quest’anno e già portato all'attenzione della banca attraverso l'Osservatorio, ed ancora non adottato. Si tratta di indurre la banca a porre finalmente in essere azioni che, come leggerete, sono finalizzate a garantire redditività all’azienda. All’inizio del prossimo mese organizzeremo un nuovo incontro per raccontarvi lo stato dell’arte sui vari fronti e avvieremo una raccolta firme capillare su tutto il territorio, per dimostrare a tutti che la banca è degli azionisti e non del CDA.

Con riguardo alla via giudiziale abbiamo incamerato tante decisioni favorevoli ad azionisti, abbiamo ottenuto il Tavolo di conciliazione dove per chi ha avviato cause ed ha avuto decisioni favorevoli, la banca ha fatto un primo passo concreto di pacificazione con i suoi azionisti, conciliando con versamento di percentuali significative. Tavolo di conciliazione che rimane operativo in maniera definitiva. A breve saremo in grado di dare i numeri complessivi di quanto il tavolo di conciliazione sta rimettendo nelle tasche degli azionisti.

Infine, abbiamo rilevato che, a tutt’oggi, la disposizione normativa che prevedeva vantaggi per quasi 500 milioni di euro per la banca ed il suo patrimonio, e di riflesso per i suoi azionisti, continua a non trovare concreta attuazione. Anche da questo punto di vista abbiamo sollecitato la politica (inviando una nota ai Parlamentari pugliesi) per sostenere l’attuazione di un provvedimento così importante e di così doverosa attuazione (visto che è una legge dello Stato). È chiaro che qualora non vi fosse un esito positivo e immediato a questa legittima aspettativa il nostro Comitato intraprenderà tutte le manifestazioni pubbliche e le azioni legali possibili a tutela degli azionisti.

Anche il più volte paventato diritto ad un risarcimento per i danni subiti dalla Banca Popolare di Bari, a seguito delle disposizioni europee contro il legittimo intervento del fondo interbancario nell’affare Tercas, sembra svanito nel nulla. Si tratta di centinaia di milioni che di fatto potrebbero essere un asset a favore degli azionisti. Vogliamo quindi lamentare con estremo vigore la latitanza degli organi istituzionali deputati a garantire l’applicazione di leggi dello Stato. La BCE pochi giorni fa ha ritenuto legittimo un salvataggio di una banca tedesca operato con 2,8 miliardi di euro pagati dai Lander, ossia dalle Regioni, ritenendo che quello non è un aiuto di Stato!

Ci opponiamo alla vendita indiscriminata di asset attivi (che sono di proprietà degli azionisti, è bene ricordarlo, e che quindi non possono esser svenduti) e alla chiusura diffusa di sportelli della Popolare di Bari che porterebbe alla riduzione dei servizi offerti ai clienti, specie in aree periferiche e rurali, con riduzione dei ricavi. La necessità di ridurre i costi non deve andare a detrimento del livello dei servizi offerti e anche della possibilità di dedicare personale ad attività remunerative per l’azienda. L’obiettivo è garantire la produttività dei dipendenti (come, ad esempio, il nostro programma di azioni prevede) e non licenziare tante centinaia di persone.

Concludiamo sottolineando che se il piano industriale, che attendiamo ancora di conoscere pubblicamente, dovesse prevedere solo la vendita di asset e beni della banca e licenziamenti, non c’era bisogno di scomodare consulenti e manager e di cambiare il CDA, dai quali invece ci si attende iniziative di rilancio e innovative e non le solite vecchie soluzioni applicate in ogni crisi, dove a pagare sono solo gli azionisti ed i dipendenti, oltre che il territorio che vedrebbe sfumare la più importante banca locale, nell’incredibile silenzio e inerzia delle istituzioni politiche. Inoltre ricordiamo la nostra proposta di creazione di un fondo interbancario che da un lato favorisca maggiore liquidabilità alle azioni e dall’altro formi un “salvadanaio” in grado di intervenire nelle crisi bancarie nel presente e nel futuro; mentre siamo contrari alla creazione di una Spa in alternativa al detto fondo.

Abbiamo ottenuto lo stanziamento di un milione di euro per finanziare un nuovo fondo di solidarietà i cui contenuti saranno oggetto di un prossimo comunicato. Si tratta di un nuovo successo della nostra azione ad esclusivo vantaggio degli azionisti della Popolare di Bari.

Di seguito si indicano i punti di cui si chiede l’immediata applicazione:

1. Procedere alla fusione con almeno un’altra banca popolare del sud in bonis e accedere cosi al vantaggio del DTA sancito dal Decreto Crescita di aprile 2019 e che vale quasi 500 milioni di euro. Non svendere crediti deteriorati (NPL) e crediti incagliati (UTP) che sono attivi della banca, ma creare lo strumento societario che permetta il recupero all’interno del patrimonio della banca (non vogliamo un nuovo caso Banco di Napoli).
2. Costituzione di un Fondo interbancario su base volontaria che garantisca un dividendo agli odierni azionisti e ridia liquidità al titolo azionario. Tale Fondo dovrà essere aperto anche all’apporto di soggetti istituzionali, tra i quali auspichiamo vi sia la Regione Puglia, che permetta in maniera definitiva la soluzione dell’annoso problema della liquidabilità del titolo.
3. Allargare la possibilità di sospendere la corresponsione della sorte capitale di mutui e finanziamenti, anche alle Pmi.
4. Per le aziende del settore agricolo è opportuno offrire, oltre a quanto previsto nel punto precedente, anche un contratto di mutuo misto (e cioè che contempli sia uno scopo predeterminato, sia liquidità) opportunamente garantito, che includa nel proprio costo in termini di interessi anche una assicurazione contro gli eventi atmosferici avversi. In vista del sempre crescente bisogno del territorio di servizi sanitari, che sempre più sono affidati alle strutture convenzionate, prevedere linee di credito particolari per le strutture sanitarie con garanzia pubblica, da abbinare a linee di credito privilegiate per il personale dipendente della c.d.c. cui aggiungere, nel caso di medici, infermieri e figure dirigenziali (privacy, odv, AD etc.) polizze assicurative offerte da compagnie assicurative in partnership con la banca.
5. In vista della necessità di ampliare l’attività delle popolari è necessario meglio utilizzare le risorse umane esistenti e orientarle al dialogo ed all’assistenza effettiva alla clientela (specie quella non ancora fidelizzata, presentando i nuovi prodotti e servizi sopra descritti, creando uffici ad hoc (PMI agricole, start up, manifatturiero, dei servizi etc.., per i consumatori retail con mutui ed altre forme di credito per le p.f.), per le imprese sanitarie etc..
6. Ai clienti che abbiano restituito regolarmente più della metà di quanto prestatogli, la banca può offrire senza oneri di sorta e a valere sulla garanzia già esistente, fino ai due terzi di quanto restituito, alle stesse condizioni originarie. Si tratta di una misura significativa sul piano dimensionale e costituisce, per l’impresa e la famiglia che abbia dato buona prova di se, una “riserva” che conferisce una più grande serenità economica e quindi l’effetto “ricchezza”, senza costi e lungaggini burocratiche, ma in maniera prevedibile ed affidabile.
7. In vista della introduzione del mercato libero dell’energia, la banca può offrire agli azionisti e ai clienti un contratto per la fornitura di energia elettrica (su cui la banca percepisce una commissione) che abbia vantaggi economici notevoli per il cliente (ottenuti grazie alla negoziazione per numeri importanti nella trattativa con la società energetica).
8. Offerta ai correntisti, con sufficiente merito di credito, di un conto corrente che offra un fido a revoca del cliente di 10.000 euro (minimo).
9. Offerta ai mutuatari che abbiano regolarmente onorato tutti i propri impegni, della possibilità di ottenere ulteriore credito fino all’ammontare del capitale già restituito, a rata costante, condizioni inalterate (o migliorative) allungando proporzionalmente la durata del mutuo.
10. Costituire un nuovo Tavolo di conciliazione per coprire anche chi ha avviato una causa nel corso del 2019 ed offrire agli aderenti la possibilità di optare per un affidamento a revoca dell’azionista, di importo pari o poco inferiore al lamentato, in alternativa alla dazione della somma di denaro frutto della conciliazione.
11. Informativa sui contenuti concreti del progetto industriale – sino ad oggi genericamente enunciato - di trasformazione ovvero di creazione di una SPA. Formale rassicurazione che il valore dell’azione, in tale ipotesi, rimanga quello di perizia.
IL COMITATO PER LA TUTELA DEGLI AZIONISTI DELLA BANCA POPOLARE DI BARI
Adiconsum, Adusbef, Assoconsum, Codacons, Confconsumatori, Lega Consumatori Bari, Unione Nazionale Consumatori.

Ultime news

Dimenticato la tessera?

Inserisci il tuo Codice Fiscale o la tua Email e riceverai nuovamente la tua tessera all'indirizzo email dato al momento della iscrizione.

Invia
Area Riservata
Accedi
Seguici su LinkedIn Seguici su Facebook Seguici su Google+